QUALITÀ

Perché il Panzerotto del Senatore è speciale?

Il Panzerotto del Senatore è speciale nell’impasto e nel ripieno.

L’impasto è una combinazione di farina e semola di grano duro italiane, ottenute con processi di lavorazione artigianali, senza sbiancamento chimico o adulterazioni.

Prima di diventare panzerotto, la pallina subisce 3 fasi di lievitazione, risultando così molto digeribile.

Il ripieno del Panzerotto del Senatore è oggetto delle nostre ossessive attenzioni: mozzarella, pomodori, salumi, carne, olio extra vergine di oliva, e tutti gli ingredienti contenuti nei nostri panzerotti sono di altissima qualità, bio o presidio Slow Food, provenienti da aziende della Valle d’Itria e dai suoi dintorni.
I nostri fornitori sono riconosciuti nel territorio per qualità e affidabilità.

I nostri prodotti non contengono conservanti, additivi o olio di palma.

Infine, qualche parola sulla frittura. Il segreto di una buona cottura risiede soprattutto nella frequenza di sostituzione dell’olio: annusa il nostro panzerotto, odora di buono, perché l’olio lo cambiamo molto spesso.

Il panzerotto del Senatore è il frutto dell’amore per la nostra terra e per i prodotti di qualità che ci regala.


I Fornitori del Panzerotto del Senatore

Molino Flli Dell'Acqua

Farina e Semola di Grano Duro Molino F.lli Dell’Acqua

La semola rimacinata di grano duro si ottiene dalla macinazione dei migliori grani duri di Puglia e Basilicata.
Solo così i prodotti ottenuti dalla sua lavorazione conservano sempre il sapore genuino delle terre in cui viene coltivato.

La farina è ottenuta dalla macinazione delle varietà più pregiate e controllate di grani teneri italiani.


Salsa e Polpa di Pomodoro Az. Agr. Pantaleo

Il  Pomodoro “Regina di Torre Canne” Presidio Slow Food è un pomodoro da serbo coltivato con acqua salmastra dal sapore unico ed una buccia consistente da lunga conservazione.

Fin dagli inizi dell’800 veniva coltivato da giugno a settembre e venduto fresco, mentre la sovrapproduzione veniva conservata nella caratteristica “Ramasola” in grappoli.

Veniva coltivato insieme ad una varietà locale di cotone, grazie a cui era possibile individuare eventuali malattie, creare tessuti per asciugamani e lenzuola, e appendere i pomodori con gli scarti di filatura.


 

Crema Spalmabile di Cioccolato alla Nocciola Maglio

Il primo panzerotto dolce del Senatore prende il nome dalla Crema Spalmabile di Cioccolato alle Nocciole dell’azienda salentina Maglio, sinonimo di cioccolato di alta qualità.

Quello che contraddistingue la crema spalmabile Maglio dalle altre presenti sul mercato è l’alto contenuto di massa di cacao e l’utilizzo delle Nocciole GIFFONI IGP, particolarmente pregiate per polposità e ricchezza aromatica.

Nella crema inoltre non sono presenti olii e grassi di origine vegetale, ad eccezione di quanto apportato dalle nocciole e dal burro di cacao contenuto naturalmente nel cioccolato.


capocollo Comalbest

Capocollo di Martina Franca

Il capocollo che abbiamo selezionato è quello del Salumificio Comalbest, storica azienda di Fasano che garantisce la tracciabilità delle materie prime, al 100% italiane. Realizzato dalla Comalbest seguendo le più antiche tecniche tradizionali, il capocollo di Martina Franca è tutelato dal riconoscimento del presidio Slow Food, marchio  che identifica, tutela e valorizza i prodotti italiani.

Si tratta di un insaccato ottenuto da carni suine di origine e provenienza pugliese che, dopo un’attenta mondatura, marinatura ed affumicatura con scorze di fragno, mallo di mandorla ed erbe della macchia mediterranea, è pronto per la stagionatura in ambienti naturali per una durata che varia da un minimo di 100 ad un massimo di 180 giorni.

Ha un colore rosso vinoso ed un gusto delicato, con intense note di tostato ed un aroma pronunciato legato all’uso del pepe e dell’affumicatura, senza paraffine o prodotti sintetici a copertura della crosta.


 

Carne biologica Az. Agr. Bio Querceta di Putignano

I profumi della campagna pugliese, i colori dei campi che seguono ancora il corso delle stagioni, sono il contesto in cui sorge l’Azienda Agricola Querceta.

Un territorio in cui i muretti a secco, i frutteti, gli ulivi secolari, la terra rossa interrotta qua e là dal bianco delle masserie, parlano ancora di antichi saperi, di una vita semplice, dei sapori di una volta.