La Raffo e la Peroni

06
Dic
2018
drink_raffo2

E’ il 15 aprile del 1919 quando il sig. Vitantonio Raffo fonda la sua “Fabbrica di Birra e Ghiaccio”, dando inizio alla lunga storia della nostra amata birra di Taranto.

Nel maggio del 1921 viene effettuata la prima cotta. La caldaia aveva una capienza di 30 hl e la birra era poi conservata in botti di rovere. “Birra Raffo-Taranto”: con questa scritta in rilievo venivano identificate le prime bottiglie da 900 e 350cl con cui il prodotto era commercializzato al dettaglio. Per gli spacci della città il formato era decisamente più grande, le scorte di birra erano infatti conservate in barili di rovere da 20 litri.

La Raffo è diventata il simbolo di Taranto e della sua gente: una birra di qualità che ogni anno celebra due mari e una città.

Qualche anno dopo è la Birra Peroni a installarsi sul territorio pugliese: nel 1924 viene inaugurato, in presenza delle autorità locali, lo stabilimento di Bari della nota marca.

L’affinità tra la Birra Peroni e la comunità locale è immediata e confermata negli anni dalla partecipazione dell’azienda agli eventi che animano la vita sociale ed economica del territorio (Fiera del Levante, il Maggio di Bari, la benedizione delle macchine nel giorno del patrono San Nicola, i concorsi locali di bellezza, la sagra del polpo, le gare sportive locali). Pochi anni dopo l’ammodernamento del 1963, l’impianto raggiunge la capacità produttiva di un milione di ettolitri e arriva a servire quattro centri d’imbottigliamento e 150 ditte concessionarie dislocate in Puglia, Abruzzo, Basilicata, Molise e Calabria.